Usa, shutdown fino a dopo Natale. Trump non molla sul muro con il Messico

Questo blocco di bilancio è il terzo dell'anno, dopo gennaio (tre giorni) e febbraio (poche ore), già a causa del problema della migrazione

Il governo americano chiude ma non per le vacanze. Negli Stati Uniti va in scena il terzo shutdown dell'era Trump e al momento non se ne intravede una fine. La paralisi durerà infatti almeno fino a dopo Natale, con il Senato che si è aggiornato al 27 dicembre per una sessione regolare di lavori, mentre il 24 si riunirà solo pro forma.

Nonostante l'ennesima giornata di trattative serrate un accordo non c'è, ed è guerra tra Donald Trump e i democratici. Il presidente americano non vuole fare alcun passo indietro sui fondi per il Muro con il Messico. "La crisi in termini di attività illegale" al confine con il Messico "è reale e non si fermerà fino a quando non costruiremo una grande barriera di metallo o il muro. Facciamo iniziare i lavori" ha scritto Trump su Twitter, osservando come gli Stati Uniti combattono per i confini di altri paesi ma non per il loro. La Casa Bianca dice chiaramente che Trump non intende arretrare di un centimetro sulla sua richiesta. Non cedono neanche i democratici: lo shutdown può finire subito se Trump rinuncia ai fondi per "l'inutile" muro.

A causa della mancanza di finanziamenti del Congresso, molti ministeri e agenzie governative hanno chiuso sabato mattina, lasciando circa 800.000 dipendenti pubblici in congedo non retribuito o, per servizi ritenuti essenziali, costretti a lavorare non retribuiti mentre le festività natalizie sono in pieno svolgimento. La Camera dei rappresentanti e il Senato si sono riuniti sabato, ma hanno aggiornato i loro dibattiti in assenza di un accordo.

Il leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell, dopo aver annunciato che il Senato si sarebbe riunito di nuovo il 27 dicembre, ha dichiarato di essere "soddisfatto del fatto che i colloqui produttivi continuino". "Quando questi negoziati producono una soluzione accettabile per tutte le parti - il che significa 60 voti al Senato, una maggioranza alla Camera e una firma presidenziale - allora la presenteremo in sessione", ha aggiunto. Trump sostiene che il budget operativo di una parte dell'amministrazione include 5 miliardi di dollari per finanziare la costruzione di un muro al confine con il Messico, uno dei suoi principali impegni elettorali. Questo è in aperto contrastato con l'opposizione democratica, che propone uno stanziamento di 1,3 miliardi per migliorare la sicurezza delle frontiere. "Stiamo negoziando con i Democratici sulla sicurezza delle frontiere di cui abbiamo assolutamente bisogno (bande, droga, traffico di esseri umani e altro) ma potrebbe durare a lungo", ha avvertito in tarda mattinata il presidente degli Stati Uniti, che resterà a Washington per Natale, invece di andare nella sua casa in Florida. Ma il capo dei senatori democratici Chuck Schumer ha reso l'occupante della Casa Bianca responsabile della situazione. "Se vuoi aprire il governo, abbandonare il muro, semplicemente e semplicemente", ha detto, sbattendo una "barriera costosa e inefficace che la maggior parte degli americani non vuole". Con solo 51 seggi su 100 al Senato, i repubblicani non hanno i 60 voti necessari per approvare una legge di bilancio. E non possono contare sul supporto democratico. Il tempo stringe per il presidente mentre i democratici riprendono a gennaio la maggioranza alla Camera dei rappresentanti dopo la vittoria elettorale di novembre.

Lo "spegnimento" interessa dipartimenti importanti come la sicurezza interna, la giustizia, il commercio, i trasporti, il tesoro o l'interno, che gestisce i parchi nazionali che sono molto popolari durante le vacanze, come il Grand Canyon. La Statua della Libertà, tuttavia, rimarrà aperta al pubblico grazie al finanziamento delle sue operazioni da parte dello Stato di New York. Il principale sindacato dei dipendenti pubblici, AFGE, ha fatto saltare un blocco "vergognoso, inaccettabile e uno spreco dispendioso di dollari dei contribuenti". Per Hank Johnson, letto nelle liste dei democratici della Georgia, la chiusura colpisce i funzionari che "meritano di pagare l'affitto, pagare regali di Natale e mangiare". "Le cose non stanno andando bene negli Stati Uniti", da parte sua ha twittato l'eletto repubblicano Carlos Curbelo. "È ridicolo e non necessario", ha detto a AFP Philip Gibbs, un insegnante in pensione della Virginia del Sud. Ma per Howard Vander Griend, del Tennessee, "Trump otterrà ciò che vuole ed è una buona cosa".

Questo blocco di bilancio è il terzo dell'anno, dopo gennaio (tre giorni) e febbraio (poche ore), già a causa del problema della migrazione. Interviene in un contesto di tensione con l'annuncio presidenziale del ritiro delle truppe americane dalla Siria. La decisione ha spinto le dimissioni del ministro della Difesa Jim Mattis e l'emissario della coalizione anti-jihadista internazionale Brett McGurk. Resta da vedere come Wall Street, che sarà aperta lunedì per una sessione abbreviata, reagirà a questa estensione. La Borsa di New York questa settimana ha registrato il suo peggiore crollo settimanale dal 2008, guidata in particolare dall'aumento dei tassi di interesse, dalla minaccia di "chiusura", dalla guerra commerciale e dalla prospettiva di un rallentamento economico negli Stati Uniti. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata