Usa, preparava attacco al Pentagono con aerei teleguidati: arrestato

Boston (Massachusetts, Usa), 28 set. (LaPresse/AP) - Un giovane americano di 26 anni è stato arrestato a Framingham, negli Stati Uniti, con l'accusa di avere in programma di attaccare il Pentagono e il Campidoglio con aerei teleguidati imbottiti di esplosivo. Rezwan Ferdaus, questo il nome del giovane, è stato arrestato quando agenti federali sotto copertura gli hanno consegnato materiali che aveva ordinato per realizzare gli aerei. Tra i materiali c'erano granate, sei mitragliatrici e quello che Ferdaus credeva fosse esplosivo C-4. Il 26enne si è laureato alla Northeastern University di Boston e dovrebbe comparire davanti a una Corte federale a Worcester nel pomeriggio americano.

Secondo le autorità, Ferdaus aveva iniziato a pianificare una jihad contro gli Stati Uniti all'inizio del 2010 e credeva che avrebbe avuto un forte impatto psicologico uccidendo cittadini americani, che lui considerava "nemici di Allah". Il giovane definiva il Pentagono "la testa e il cuore del serpente". In una conversazione con un informatore federale, Ferdaus ha spiegato che anticamente Dio usava i disastri naturali per punire le civiltà cattive e lui avrebbe voluto fare lo stesso. "Per noi, dobbiamo farlo. Allah ci ha dato il privilegio di punirli tramite le nostre mani", avrebbe detto il giovane agli agenti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata