Usa, Pentagono vuole nuove armi nucleari a potenza ridotta
Soprattutto in risposta alle azioni della Russia negli ultimi anni

L'esercito degli Stati Uniti vuole rinnovare il suo arsenale nucleare e sviluppare nuove armi nucleari a potenza ridotta, soprattutto in risposta alle azioni della Russia negli ultimi anni. È quanto afferma il Pentagono in una dichiarazione di policy. Il documento Nuclear Posture Review delinea le ambizioni nucleari del Pentagono sotto il presidente Usa Donald Trump ed è la prima volta dal 2010 che l'esercito dichiara come prevede le minacce nucleari nei decenni successivi.

Mentre il documento sottolinea le preoccupazioni dell'amministrazione per Nord Corea, Iran e Cina, il focus si concentra in gran parte sulla Russia. "Questa è una risposta all'espansione russa della loro capacità (nucleare ndr) e della natura delle loro strategia e dottrina", afferma il segretario alla Difesa, Jim Mattis, nell'introduzione al documento di 75 pagine.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata