Usa, nuove accuse di molestie e violenza contro lo chef Mario Batali
Avrebbe aggredito due ex dipendenti del ristorante newyorkese 'The Spotted Pig' sotto l'effetto di droghe e alcol

Già al centro di uno scandalo per molestie sessuali, il celebre chef americano Mario Batali è ora accusato di violenza da alcune donne secondo le testimonianze diffuse dalla Cbs. Secondo il racconto di numerose ex dipendenti del ristorante newyorkese del Greenwich Village, 'The Spotted Pig', in cui Batali ha investito e che è diretto dall'amico Ken Friedman, i due credevano di potersi permettere di tutto: oltre ai diversi casi di abusi e molestie citati da impiegati intervistati dal programma '60 minutes', ci sarebbe anche l'aggressione a due impiegate sotto l'effetto di droghe e alcol, e quindi incoscienti. Batali, 57 anni, possiede 26 ristoranti di cucina italiana ed è uno degli chef più famosi degli Stati Uniti: a dicembre scorso sono nate le prime accuse per molestie. Da allora ha abbandonato il suo impero gastronomico e non appare più nel programma televisivo 'The Chew'.

Secondo la testimonianza anonima di un'impiegata di un altro dei ristoranti di Batali, lo chef l'avrebbe aggredita nel 2005 allo 'Spotted Pig', dove era stata invitata. "Mi sono svegliata da sola - ha raccontato alla Cbs - per terra. La prima cosa che mi sono detto è che mi aveva drogata... E sono stata aggredita". La donna spiega di aver telefonato alla linea di emergenza e di essere andata all'ospedale e poi alla polizia. Alla fine ha rinunciato a sporgere denuncia, e il test per stupro che aveva fatto all'ospedale non è stato conservato. Contattato da '60 minuti' lo chef ha negato ogni accusa.

Un altro dipendente di 'Spotted Pig', Jamie Seet, ha raccontato inoltre di aver assistito a un incidente simile nel 2008 attraverso le immagini delle telecamere di sorveglianza del ristorante. La presunta vittima, la cui identità non è stata rivelata, "sembrava incosciente" quando Batali iniziò a violentarla. Di conseguenza, "siamo usciti tutti e abbiamo fermato ciò che stava succedendo", ha raccontato Seet, ammettendo di vergognarsi di non aver chiamato la polizia.

Secondo la CBS, la polizia di New York ha aperto un'indagine penale contro Batali. Contattato, la polizia non ha immediatamente confermato queste informazioni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata