Usa, terza accusatrice per Kavanaugh: "Molestava ragazze alle feste"

Nuove accuse contro il giudice americano scelto da Trump per la Corte Suprema: avrebbe fatto parte di un gruppo di ragazzi che provavano a far bere o drogare delle ragazze per poi abusare di loro

Esce allo scoperto la terza donna che accusa di abusi sessuali il candidato di Donald Trump per la Corte suprema, il giudice Brett Kavanaugh. Si tratta di Julie Swetnick, la cui dichiarazione giurata è stata resa pubblica dal suo avvocato, Michael Avenatti, noto perché rappresenta gli interessi della ex pornostar Stormy Daniels, che sostiene di avere avuto un rapporto sessuale con Trump e di essere stata pagata per tacere prima delle elezioni presidenziali del 2016.

Swetnick sostiene che Kavanaugh facesse parte di un gruppo di ragazzi che provavano a far bere o drogare delle ragazze per poi abusare di loro e denuncia di essere stata lei stessa vittima di uno stupro collettivo durante una festa alla quale Kavanaugh era "presente", intorno al 1982. A proposito di questo stupro, Swetnick non dice né che Kavanaugh vi abbia partecipato, né che lui fosse consapevole dei fatti, ma afferma che il giudice a quella festa fosse presente e che lui e altri ragazzi della sua cerchia erano soliti avere comportamenti simili. 

Julie Swetnick dice di avere assistito alle molestie che avvenivano durante feste alle quali lei partecipava mentre era una studentessa della scuola superiore in Maryland. Racconta di avere visto Kavanaugh "bere in modo eccessivo" e "avviare comportamenti offensivi e fisicamente aggressivi verso ragazze", che includevano "palpeggiare e afferrare ragazze senza il loro consenso". Secondo Swetnick, che ha a lungo lavorato per l'amministrazione federale Usa, la dichiarazione di innocenza di Kavanaugh, che si è difeso dicendo di non avere avuto attività sessuale al liceo, è "assolutamente falsa e una bugia".

Julie Swetnick racconta di avere partecipato a una decina di feste fra il 1981 e il 1983, dove c'erano anche Brett Kavanaugh e uno dei suoi amici, Mark Judge, già citato dalla prima accusatrice del giudice. "Più volte durante queste feste ho visto Mark Judge e Brett Kavanaugh bere in modo eccessivo e avere un comportamento totalmente inappropriato, precisamente diventando molto aggressivi con le ragazze e non accettando che potessero dire 'no'", scrive nella dichiarazione trasmessa alla commissione Giustizia del Senato Usa, in cui li accusa anche di avere "palpeggiato e afferrato le ragazze senza il loro consenso". "

Brett Kavanaugh e altri provavano a far ubriacare e disorientare le ragazze fino al punto in cui potevano essere violentate in una stanza da una serie di ragazzi. Ho un ricordo vivo di ragazzi in fila fuori da queste stanze durante queste feste, in attesa del loro turno con la ragazza all'interno", assicura la donna. "Nel 1982 sono stata vittima di uno di questi stupri collettivi", afferma Swetnick, spiegando che era stata incapace di difendersi probabilmente sotto l'effetto di una droga. "Mark Judge e Brett Kavanaugh erano presenti", afferma senza fornire altri dettagli. 

La commissione Giustizia del Senato è quella incaricata di analizzare le nomine per la Corte suprema. Domani dovrà ascoltare in un'audizione pubblica la prima accusatrice di Kavanaugh, la docente universitaria 51enne Christine Blasey Ford, che denuncia di essere stata aggredita sessualmente da Kavanaugh negli anni del liceo. Anche Kavanaugh dovrà essere ascoltato dalla commissione domani, sotto giuramento, e lui sostiene di essere vittima di una "campagna di calunnie". 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata