Usa, le principali misure previste da Obama su immigrazione

Washington (Usa), 20 nov. (LaPresse/AP) - Le principali misure previste dal piano del presidente degli Stati Uniti Barack Obama sull'immigrazione, secondo persone informate sul progetto.

GENITORI. Proteggere dal rimpatrio e rendere idonei per permessi di lavoro circa 4,1 milioni di persone che si trovano negli Stati Uniti illegalmente, ma i cui figli sono cittadini degli Stati Uniti o residenti permanenti legali, indipedentemente dal fatto che i figli siano minori. Per essere idonei, i genitori devono vivere negli Usa da cinque anni.

FIGLI. Espandere il programma Deferred Action for Childhood Arrivals, lanciato da Obama nel 2012. Il programma protegge dal rimpatrio i minori portati negli Stati Uniti illegalmente quando erano bambini. Obama allargherà il programma ai minori arrivati prima del 2010, invece dell'attuale limite del 2007, e toglierà il requisito che i richiedenti debbano avere meno di 31 anni. La misura potrebbe interessare oltre 250mila persone.

PRIORITA' NEI RIMPATRI. Abbassare la priorità nei rimpatri per i genitori di cittadini statunitensi o di residenti legali permanenti che sono negli Usa da almeno cinque anni, e per altri immigranti che sono nel Paese illegalmente da oltre 10 anni. Una nuova politica darù priorità ai rimpatri per arrivi recenti e per persone colpevoli di reati.

APPLICAZIONE DELLA LEGGE. Sostituire il programma Secure Communities, che consegna le persone accusate di reati locali alle autorità federali per l'immigrazione. Il nuovo programma verrà chiamato 'Priority Enforcement Program' e darà diversi livelli di priorità, basati sulla condotta per la quale gli immigrati sono stati fermati.

SICUREZZA DEI CONFINI. Impegnare più risorse per l'applicazione della legge al confine tra Stati Uniti e Messico.

SALARI. Aumentare i salari per i funzionari dell'Immigration and Customs Enforcement, che avranno un ruolo più ampio nell'applicazione della legge, per portarli al livello di altre agenzie di controllo come l'Fbi.

PROGRAMMI ECONOMICI. Attuare altri cambiamenti nell'immigrazione desiderati dalle imprese, come un programma parole-in-place che potrebbe riguardare altre diverse centinaia di migliaia di persone.

GREEN CARD. Allentare i requisiti di idoneità per un programma di esenzione per le persone che richiedono le green card. Le persone entrate negli Stati Uniti illegalmente devono lasciare il Paese per 10 anni prima di tornare in coda per una green card a meno che non ottengano un'esenzione.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata