Usa, le 2 bimbe Amish rapite hanno subìto abusi sessuali

Canton (New York, Usa), 17 ago. (LaPresse/AP) - Hanno subìto abusi sessuali le due sorelline Amish di 7 e 12 anni rapite mercoledì sera nella comunità Amish di Oswegatchie, nello Stato di New York e vicino al confine con il Canada, e ricomparse dopo circa 24 ore bussando alla porta di una casa di Hermon, a circa 20 chilometri dal luogo dell'ultimo avvistamento. Lo riferisce la procuratrice distrettuale della contea di St. Lawrence, Mary Rain. Ieri una coppia di Hermon, Stephen Howells II di 39 anni e Nicole Vaisey di 25 anni, è stata arrestata e accusata del rapimento delle bambine e lo sceriffo della contea ha reso noto che i due potrebbero aver pianificato il sequestro di altri minorenni. Sempre ieri in una nota lo sceriffo Kevin Wells ha spiegato che la più grande delle due bambine, la 12 enne, ha fornito "informazioni cruciali" che hanno portato agli arresti.

Le bimbe erano scomparse vicino a una bancarella di frutta e verdura sul ciglio di una strada nei pressi di una fattoria. Temendo un rapimento erano subito state avviate ricerche per setacciare la zona. Le ricerche erano però state rese più difficili da due elementi: in primo luogo la mancanza di foto delle bambine, dal momento che gli Amish evitano l'uso della tecnologia; in secondo luogo dal fatto che, per stilare un identikit, è stato necessario tradurre le indicazioni dei genitori dal dialetto tedesco che parlano, noto come Pennsylvania Dutch. Giovedì sono stati gli stessi sequestratori a rilasciare le sorelline.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata