Usa, durante proteste a Washington Trump chiuso in bunker Casa Bianca

Washington (Usa), 1 giu. (LaPresse/AP) - Gli agenti dei servizi segreti hanno portato il presidente Donald Trump in un bunker della Casa Bianca venerdì notte mentre centinaia di manifestanti si sono radunati fuori dalla residenza, alcuni lanciando pietre e sfondando barricate della polizia.

Trump ha trascorso quasi un'ora nel bunker, progettato per l'uso in situazioni di emergenza come gli attacchi terroristici, secondo un repubblicano vicino alla Casa Bianca che non era autorizzato a discutere pubblicamente di questioni private e ha parlato con l'Associated Press a condizione di anonimato. L'episodio è stato confermato da un funzionario amministrativo che ha anche parlato a condizione di anonimato.

Le proteste di venerdì sono state innescate dalla morte di George Floyd, un uomo di colore che è morto dopo essere stato bloccato al collo da un ufficiale di polizia bianco di Minneapolis. Le manifestazioni a Washington sono diventate violente e sembrano aver colto di sorpresa gli uomini dei servizi, scatenando uno dei più alti allarmi sul complesso della Casa Bianca dagli attacchi dell'11 settembre del 2001.

"La Casa Bianca non commenta i protocolli e le decisioni sulla sicurezza", ha detto il portavoce Judd Deere.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata