Usa, dopo la Siria Trump ritira le truppe anche dall'Afghanistan. E il segretario della Difesa Mattis lascia
Usa, dopo la Siria Trump ritira le truppe anche dall'Afghanistan. E il segretario della Difesa Mattis lascia

Via almeno la metà dei soldati dal paese devastato dalla guerra. E il governo del tycoon perde un altro pezzo

Il giorno dopo l'annuncio del ritiro delle truppe americane in Siria, per il presidente americano Donald Trump arriva il momento di lasciare anche l'Afghanistan. Secondo quanto annunciato dallo stesso tycoon, almeno il 50% dei soldati potrebbe lasciare il paese devastato dalla guerra.

Intanto il capo del Pentagono "generale Jim Mattis andrà in pensione, con onore, alla fine di febbraio, dopo aver servito la mia amministrazione come Segretario della Difesa negli ultimi due anni", ha annunciato Triump su Twitter. "Durante il suo mandato - ha aggiunto Trump - importanti progressi sono stati compiuti, soprattutto per quanto riguarda l'acquisto di nuovi armamenti".

Mattis ha spiegato la sua decisione affermando che i suoi punti di vista non erano più conciliabili con quelli di Trump. I critici suggeriscono che le decisioni gemellate del presidente in materia di politica estera su Siria e Afghanistan potrebbero sbloccare una serie di eventi a cascata e imprevedibili in tutto il Medio Oriente. Gli Stati Uniti hanno circa 14.000 soldati in Afghanistan che lavorano con una missione Nato per sostenere le forze afghane o in operazioni antiterrorismo separate.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata