Usa, Dhs: Uccisione agente Oakland atto di terrorismo interno

Oakland (California, Usa), 30 mag. (LaPresse/AP) - L'uccisione di un agente del Servizio di protezione federale che stava sorvegliando una protesta a Oakland, in California, è stato un atto di terrorismo interno. Lo hanno definito così le autorità statunitensi.

Un veicolo si è fermato davanti all'edificio federale 'Ronald V. Dellums', venerdì sera, e qualcuno ha aperto il fuoco contro due agenti di sicurezza a contratto al lavoro per il Servizio di protezione federale del Dipartimento di sicurezza interna degli Usa, uccidendo uno e ferendo gravemente l'altro, secondo quanto riferito dalle autorità. Le identità degli ufficiali non sono state rese note. Gli ufficiali proteggono i tribunali federali come parte dei loro normali compiti. I funzionari del Dhs hanno dichiarato di monitorare la protesta per l'uccisione di George Floyd da parte di un poliziotto nel Minnesota.

"Quando qualcuno prende di mira un agente di polizia o una stazione di polizia con l'intenzione di fare del male e intimidire, questo è un atto di terrorismo domestico", ha detto il vice segretario del Dhs, Ken Cuccinelli.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata