Usa, Connecticut approva nuova legge su armi dopo strage Newtown

Hartford (Connecticut), 4 apr. (LaPresse/AP) - Camera e Senato del Connecticut hanno approvato una nuova legge sul controllo sulla vendita di armi in risposta alla strage di Newtown. La legge, di 139 pagine, impone un divieto di vendere caricatori ad alta capacità e bandisce oltre 100 tipi di armi che prima erano legali. L'approvazione è avvenuta dopo 13 ore di dibattito. La proposta di legge è passata con voto bipartisan, in Senato con 26 a favore e 10 contrari e alla Camera con 105 sì e 44 no. Il documento passa ora al governatore del Connecticut, il democratico Dannel P. Malloy, che dovrebbe firmarlo a mezzogiorno di oggi ora locale.

Alcune delle misure entreranno in vigore subito. Tra queste ci sono l'estensione del divieto di vendita delle armi d'assalto a oltre 100 tipi di armi da fuoco, i controlli sul passato degli acquirenti delle armi e il divieto di vendita e acquisto di caricatori con più di 10 colpi. Viene inoltre creato il primo registro del Paese che raccoglie l'elenco dei responsabili di crimini commessi con armi particolarmente pericolose. La legge prende anche in considerazione la questione degli eventuali problemi di salute degli acquirenti e le misure di sicurezza nelle scuole. Prevede infatti la creazione di un nuovo consiglio che stabilisca gli standard di sicurezza per le scuole ed estende i casi in cui le condizioni di salute mentale dei potenziali acquirenti impediscono di comprare armi.

Nella sparatoria di Newtown dello scorso 14 dicembre, il giovane Adam Lanza, 20 anni, aprì il fuoco nella scuola elementare Sandy Hook uccidendo 20 bambini e sei insegnanti. Dopo la strage di Newtown anche lo Stato di New York e il Colorado hanno approvato nuove regolamentazioni per il controllo sulle armi. Diversamente dalla legge approvata in Connecticut, che vieta i caricatori con più di 10 colpi, a New York è stata bandita la vendita di caricatori con oltre sette colpi e in Colorado è stato fissato il massimo a 15 colpi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata