Usa, agente spara a ragazzo armato ma pistola era finta
L'episodio a un anno dalle proteste in città per la morte dell'afroamericano Freddie Gray

Un poliziotto ha sparato a Baltimora contro un ragazzino che sembrava avere una pistola semiautomatica, che però si è poi rivelata una pistola ad aria compressa. Lo riportano i media locali, citando la polizia, spiegando che il ragazzo non è in pericolo di vita. La polizia ha riferito che si tratta di un 13enne, mentre la madre lo ha identificato come Dedric Colvin di 14 anni. L'episodio è avvenuto nella zona est di Baltimora, a circa un anno dalle proteste scoppiate in città per la morte dell'afroamericano Freddie Gray da parte della polizia. Secondo la versione fornita dalla polizia, due agenti in borghese si trovavano nella zona intorno alle 16 quando hanno avvistato il ragazzino con quella che sembrava un'arma da fuoco; sono scesi dal veicolo, si sono identificati e gli hanno intimato di fermarsi, ma il giovane ha cominciato a correre e dopo un inseguimento di circa 130 metri uno dei poliziotti gli ha sparato ferendolo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata