Usa a Brasile dopo scandalo sorveglianza: Impegno a lavorare insieme

Washington (Usa), 12 set. (LaPresse/AP) - Il consigliere del presidente Usa Barack Obama per la sicurezza nazionale, Susan Rice, ha incontrato a Washington il ministro degli Esteri del Brasile, Luiz Alberto Figueiredo, e ha ammesso durante il meeting che i programmi di sorveglianza rivelati recentemente da Edward Snowden hanno causato tensioni nei rapporti tra i due Paesi. Lo ha riferito una portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, Caitlin Hayden.Alcune delle attività della National Security Agency (Nsa), ha detto Hayden, sono state falsate dalle rivelazioni di Snowden, mentre altre "fanno nascere domande legittime per i nostri amici e alleati sulla maniera in cui queste capacità vengono impiegate". Tuttavia, ha affermato Hayden, "gli Stati Uniti sono impegnati a lavorare con il Brasile per affrontare le preoccupazioni, mentre continuiamo a lavorare insieme su un programma condiviso di iniziative bilaterali, regionali e globali".

La presidente brasiliana, Dilma Rousseff, aveva criticato nelle scorse settimane i programmi di sorveglianza della Nsa e, quando è emerso che le agenzie Usa monitoravano anche le sue comunicazioni, ha minacciato di cancellare una visita a Washington in programma a ottobre. Dopo avere parlato con Obama al summit del G20 la settimana scorsa, Rousseff aveva detto che spiare un Paese amico non è compatibile con alleanze democratiche. La presidente aveva riferito che Obama le aveva promesso di fornire chiarimenti sui programmi di sorveglianza. "Voglio sapere tutto su quello che hanno, tutto", aveva affermato Rousseff. La Casa Bianca non ha rivelato se Rice abbia offerto delle informazioni in merito durante l'incontro con Figueiredo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata