Usa 2016, il governo teme attacco hacker russo nell'Election Day
Una task force per contrastare le intrusioni, raccontano fonti ufficiali alla Nbc, a pochi giorni dalla corsa alla Casa Bianca

Il governo degli Stati Uniti ritiene che un attacco informatico di hacker russi potrebbe cercare di minare il giorno delle elezioni presidenziali e sta mettendo in campo uno sforzo senza precedenti per contrastare la loro ingerenza informatica sull'Election Day. A riportare la notizia è NBC news, citando alcuni funzionari governativi. "Lo sforzo di contrasto è coordinato dalla Casa Bianca e dal Dipartimento di Sicurezza Nazionale, ma include la Cia, la National Security Agency e altri elementi del Dipartimento della Difesa" precisano i funzionari interpellati.

La Russia è stata avvertita del fatto che ogni tentativo di manipolare il voto o il conteggio sarebbe stato visto come una grave violazione:  "I russi sono all'attacco, gli Usa stanno lavorando sulle strategie per rispondere a questa offensiva, ai massimi livelli", ha detto Michael McFaul, già ambasciatore degli Stati Uniti in Russia nel periodo 2012-2014. I funzionari sono in allerta per eventuali tentativi di creare il caos giorno delle elezioni, e sono state prese alcune contromisure per preparare ad alcuni tra gli scenari peggiori, tra cui un cyber-attacco che chiuderebbe una parte della rete elettrica o di Internet.

Ma ciò che è più probabile, ne è convinta una gran parte dei funzionari degli Stati Uniti, è un'azione di minor impatto da parte degli hacker, come spacciare disinformazione manipolando Twitter, Facebook e altre piattaforme di social media. Ad esempio, i funzionari temono la diffusione di documenti falsi, cn uno dei candidati tirato in ballo in uno scandalo, senza che ci sia il tempo per i mezzi di informazione controllare la veridicità della notizia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata