Usa 2012, Obama contro repubblicano: Lo stupro è stupro, un crimine

Burbank (California, Usa), 25 ott. (LaPresse/AP) - "Lo stupro è stupro, è un crimine" e le distinzioni offerte dal candidato repubblicano "per me non hanno senso". Così il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, in riferimento alle affermazioni di ieri del candidato repubblicano dell'Indiana al Senato Richard Mourdock, che nel corso di un dibattito ha detto che quando da uno stupro viene fuori una gravidanza "è qualcosa voluto da Dio".

"Questo è esattamente quello che non vuoi, che un pugno di politici, perlopiù uomini, prendano decisioni sulla salute delle donne", ha detto Obama intervenendo al 'Tonight Show' di Jay Leno a proposito dell'aborto. "Le donne sono capaci di prendere queste decisioni consultandosi con i loro partner e con i medici; per i politici è un problema enorme il fatto di volersi intromettere in queste cose, spesso senza informazione, e ovviamente tutto ciò rientra nella posta in gioco di queste elezioni", ha concluso Obama.

Il caso delle dichiarazioni di Mourdock sullo stupro ha messo in imbarazzo Mitt Romney anche perché arriva solo due mesi dopo una polemica simile sollevata dalle dichiarazioni del candidato Gop del Missouri al Senato, Todd Akin. Durante un'intervista televisiva, Akin aveva parlato dell'esistenza di uno "stupro legittimo". Il portavoce della campagna di Romney ha annunciato comunque ieri che l'ex governatore del Massachusetts continuerà ad appoggiare Mourdock.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata