Usa 2012, exit poll AP:Economia chiave voto,4 elettori su 10 ottimisti

Washington (Usa), 6 nov. (LaPresse/AP) - L'economia rimane la preoccupazione principale degli elettori negli Stati Uniti. È quanto emerge da un exit poll condotto per Associated Press, che dimostra come l'economia resti una questione centrale per le presidenziali. In base al sondaggio, sei elettori su 10 intervistati all'uscita dai seggi ritengono che l'economia sia il problema principale che il Paese si trova ad affrontare e gli elettori sono particolarmente colpiti da disoccupazione e aumento dei prezzi. Circa un quarto dei cittadini che hanno partecipato all'exit poll dice però che sta meglio di quattro anni fa. Sono inoltre circa quattro persone su 10 ad affermare che a loro parere l'economia Usa è in via di guarigione, ma altri sostengono che le cose stiano peggiorando o siano in una situazione di stagnazione. Circa la metà degli elettori intervistati, infine, afferma che il precedente presidente George W. Bush è responsabile della situazione più di quanto non lo sia l'attuale presidente Barack Obama.

Tra i maggiori problemi economici, gli elettori citano l'alto livello di disoccupazione e l'innalzamento dei prezzi. Solo un quarto degli elettori si dice entusiasta dell'amministrazione Obama. Circa lo stesso numero di persone si dice invece piuttosto arrabbiata per la sua gestione. Buona parte degli elettori (circa quattro su dieci) sono propensi a dire che Obama stia dalla parte della classe media e subito dopo dei poveri.

Metà delle persone intervistate sostiene che le politiche di Romney, in genere, siano a favore dei ricchi e diano poca attenzione alla classe meno abbiente. Solo una persona su dieci sostiene invece che Obama favorisca i ricchi. L'indagine è stata condotta su 15.825 elettori, in parte via telefono, in parte su persone che hanno votato in anticipo, oppure oggi ai seggi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata