Usa 2012, disaccordo fra repubblicani su nuova legge antiterrorismo

Myrtle Beach (Sud Carolina, Usa), 17 gen. (LaPresse/AP) - I candidati repubblicani alle primarie sono in contrasto sulla nuova politica per la detenzione di cittadini americani sospettati di terrorismo. Il presidente Barack Obama ha firmato il National defense authorization act, che permetterebbe la detenzione per tempo indefinito di tali sospetti, ma molti attivisti per i diritti civili ritengono che la legge si incostituzionale. Il candidato di punta Mitt Romney ha detto che se fosse stato alla presidenza avrebbe firmato la legge come ha fatto Obama, insistendo che sia "appropriato" tenere in custodia i membri americani di al-Qaeda. Ha aggiunto che far parte del gruppo è un "tradimento" e che il governo americano ha il diritto di imporre una detenzione per tempo indefinito. Rick Santorum è stato meno diretto, sostenendo che un cittadino americano detenuto come combattente nemico abbia diritto a un avvocato e di presentare appello sul suo caso di fronte a una corte federale. Ron Paul è di tutt'altro parere, perché ritiene che trattenere per un tempo indefinito un cittadino americano sia un'infrazione del sistema giudiziario statunitense.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata