Usa 2012, affondo di Romney su Biden per dichiarazioni attacco Bengasi

Richmond (Virginia, Usa), 12 ott. (LaPresse/AP) - Il candidato repubblicano presidenziale Mitt Romney ha attaccato il vice presidente Joe Biden, accusandolo di avere contraddetto la testimonianza giurata di un funzionario del dipartimento di Stato, a proposito dell'attacco terroristico avvenuto a Bengasi l'11 settembre scorso, in cui morì l'ambasciatore Usa in Libia Chris Stevens. Nel dibattito di ieri con il candidato vicepresidente Paul Ryan, Biden ha infatti dichiarato che "non ci era stato detto" che era stata fatta dal consolato una richiesta di maggiore sicurezza alla sede diplomatica. Un funzionario del dipartimento di Stato ha però detto che ogni richiesta di protezione supplementare è stata negata.

Romney sostiene che la popolazione abbia il diritto di sapere cosa sia accaduto esattamente prima degli attacchi, e ha avvertito che la questione non verrà messa da parte. L'amministrazione da Washington ha precisato che Biden parlava esclusivamente a nome della Casa Bianca, del presidente Barack Obama e proprio Romney ha rilasciato i suoi commenti durante un evento per la campagna elettorale, che si è tenuto oggi a Richmond, in Virginia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata