Uomo spara in college a Santa Monica: 4 vittime, ucciso da polizia

Santa Monica (California, Usa), 8 giu. (LaPresse/AP) - Sono quattro le persone uccise vicino al Santa Monica College, in California, da un uomo che ieri ha sparato con un fucile semi-automatico. Altre cinque persone sono state ferite, due delle quali sono in condizioni critiche. Il killer è stato ucciso dalla polizia nella biblioteca del college dove si è rifugiato, in uno scontro a fuoco. Ha agito da solo, nonostante i sospetti della presenza di un complice. Ha dapprima aperto il fuoco in una abitazione vicina al college, andata in fiamme, in cui sono stati trovati i cadaveri del padre e del fratello, ha dichiarato il capo della polizia Jacqueline Seabrooks. Secondo fonti ufficiali, all'origine della violenza ci sarebbero infatti questioni private. A circa 5 chilometri di distanza dal luogo della sparatoria, il presidente Barack Obama ha partecipato a un evento di raccolta fondi.

Mentre la casa era in fiamme l'uomo, vestito di nero e con quello che è sembrato un giubbotto antiproiettile, ha costretto una donna che era alla guida di un'auto a portarlo sino al campus, sotto la minaccia delle armi. Secondo le autorità aveva con sè una sacca contenente un fucile, una pistola e caricatori pieni di munizioni. Durante il tragitto l'ha fatta fermare per poter sparare ancora, ha spiegato la polizia. Ha sparato contro un'altra auto, ferendo una donna, e contro un pullman, dove altre tre donne hanno riportato ferite minori. Poi ha aperto il fuoco contro auto della polizia e passanti. Arrivato in un parcheggio ai margini del campus, ha sparato contro due persone in un veicolo, che si è quindi scontrato contro un muro. Il conducente è morto e il passeggero è in condizioni critiche.

A quel punto l'uomo armato è entrato nel campus, uccidendo una donna mentre andava verso la biblioteca, dove gli studenti si stavano preparando per gli esami. Una volta all'interno ha sparato contro i presenti che tentavano di fuggire, ma non ha colpito nessuno. Gli agenti pochi minuti dopo hanno fatto irruzione nella biblioteca, uccidendolo. La polizia ha poi controllato il campus in cerca di un complice e un uomo è stato fermato, ma è stato rilasciato dopo l'interrogatorio. La polizia ha dichiarato che non è sospettato. L'identità dell'autore della sparatoria sarà diffusa in seguito dagli investigatori, dopo che i parenti saranno stati informati, hanno annunciato fonti ufficiali.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata