Università Berkeley in sommossa per intervento Milo Yiannopoulos
Noto per le sue posizioni di estrema destra, lavora per il sito del consigliere di Trump

L'Università della California, a Berkeley, è stata travolta dalle proteste contro l'intervento previsto di Milo Yiannopoulos, editor di Breibart News (sito del consigliere strategico di Donald Trump, Steve Bannon) e noto per le sue posizioni di estrema destra. Due ora prima del discorso, i manifestanti hanno gettato transenne e pietre contro le finestre dell'edificio e dato fuoco a un generatore all'entrata. La polizia ha ordinato ai manifestanti di disperdersi e ha chiuso il campus. Secondo il sito di San Francisco SFGate.com, i manifestanti hanno anche lanciato mattoni e petardi contro la polizia in assetto anti-sommossa che ha risposto con proiettili di gomma. A prendere parte alla manifestazione pacifica sono state circa 1.500 persone, ma un centinaio ha poi iniziato le violenze.

Yiannopoulos è noto per le sue critiche alla sinistra e per le sue posizioni estremiste. Il suo account di Twitter (@nero) era stato chiuso lo scorso anno dopo gli insulti rivolti a Leslie Jones, una delle protagoniste del film Ghostbusters, a cui ha rivolto accuse razziste e sessiste. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata