Ungheria, Orban fa rimuovere la statua di Imre Nagy

L'ultima mossa del premier ungherese Orban: tolta all'alba, quasi in segreto, la statua di Imre Nagy, capo della rivolta ungherese del ’56 e premier all’epoca della sommossa anticomunista. Critiche dell'opposizione al capo del governo populista, accusato di revisionismo storico. “Un comunista dei peggiori”, erano state le parole di Orban all'indirizzo di Nagy, condannato a morte e giustiziato nel 1958. Il busto in bronzo, eretto nel ‘96, sorgeva nella piazza di Budapest vicina al Parlamento. Al suo posto sarà ricostruito un monumento dell'epoca antecedente la seconda guerra mondiale consacrato alle vittime del 'terrore rosso' del 1919.