Uganda, Oms: Scoppiata epidemia ebola, 14 morti a luglio

Kampala (Uganda), 28 lug. (LaPresse/AP) - Un'epidemia di ebola è scoppiata in Uganda e 14 persone sono morte nell'ovest del Paese questo mese. Lo hanno annunciato in conferenza stampa a Kampala le autorità locali insieme a un rappresentante dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Non esistono cure né vaccini per l'ebola e in Uganda nel 2000 la malattia uccise 224 persone. Il virus si manifesta con una febbre emorragica, è altamente infettivo e uccide velocemente. Il primo caso fu riscontrato in Congo nel 1976 e il nome ebola deriva dal fiume nel quale fu individuato. Gli scienziati non conoscono l'origine del virus, ma sospettano che la prima trasmissione in un'epidemia avvenga tramite il contatto con animali infetti.

L'annuncio ufficiale pone fine alle speculazioni in corso da settimane sulla possibile causa di una strana malattia rilevata nel distretto di Kibaale e che ha spinto molte persone a fuggire dalle loro case. "Indagini di laboratorio compiute all'Istituto di ricerca dell'Uganda sui virus hanno confermato che la malattia individuata nel distretto di Kibaale è febbre emorragica dovuta all'ebola", hanno fatto sapere il governo dell'Uganda e l'Oms dopo settimane di analisi. I 14 morti di cui hanno riferito le autorità rientrano nei 20 casi di persone risultate infette e tra le vittime c'è un bambino di quattro anni. Due dei contagiati sono stati isolati per essere sottoposti a esami.

Le autorità hanno invitato i cittadini a mantenere la calma, comunicando che è già stata organizzata una task force di emergenza nazionale per fermare la diffusione del virus. La malattia si trasmette in molti modi, tra cui il contatto diretto con il sangue delle persone infette e il contatto con i corpi delle vittime dell'ebola, per esempio durante i funerali. Per questo è stato consigliato ai cittadini di evitare ogni contatto non necessario con sospetti casi di ebola. La certezza del fatto che si trattasse di questo virus è arrivata dopo i risultati giunti stanotte. Ieri, infatti, il rappresentante dell'Oms in Uganda Joaquim Saweka aveva detto ad Associated Press che gli esperti "non erano ancora sicuri" che si trattasse di ebola e le autorità sanitarie del Paese avevano etichettato l'ipotesi dell'ebola come rumor.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata