Ucraina, Yanukovych in congedo per malattia respiratoria e febbre

Kiev (Ucraina), 30 gen. (LaPresse/AP) - Il presidente ucraino, Viktor Yanukovych, è in congedo per malattia a causa di una malattia respiratoria acuta e di febbre alta. Il vice capo del dipartimento Affari di Stato sulle questioni mediche, Issues Oleksandr Orda, ha dichiarato che "il presidente ucraino è stato congedato a causa di una malattia respiratoria acuta combinata con febbre alta", riferisce una nota pubblicata sul sito web della presidenza. Non è riportata una previsione sul periodo di tempo in cui si assenterà. Yanukovych da due mesi è sotto pressione con massicce e violente proteste che chiedono le sue dimissioni ed elezioni anticipate, iniziate dopo la bocciatura di un accordo di cooperazione con l'Unione europea a favore di uno con la Russia.

In un tentativo di risolvere la crisi in corso, il Parlamento martedì ha revocato le leggi anti-proteste, all'origine di violenti episodi durante le manifestazioni. Yanukovych deve sottoscrivere formalmente l'abrogazione. Intanto, ha accettato le dimissioni del contestato premier Mykola Azarov. Per l'opposizione, però, non è abbastanza. Ha annunciato che continuerà a combattere. Yanukovych ieri sera si è recato in Parlamento, prima che fosse approvata la misura che prevede l'amnistia per parte dei dimostranti arrestati nei due mesi di proteste, a patto che lascino la gran parte degli edifici occupati. L'opposizione denuncia i fermi, 328 secondo il conteggio di un deputato, come illegittimi.

"Prenderemo il controllo di altri palazzi, se le autorità non cambieranno davvero la situazione nel Paese", ha dichiarato il 30enne Artem Sharai, un manifestante di Kiev. La legge approvata ieri non si applica a diversi edifici governativi nel centro della capitale, che i dimostranti usano come dormitori e centri operativi, e a strutture a supporto del principale accampamento in piazza Indipendenza. Con temperature che scendono sino a -20 gradi nella notte, continuare a manifestare senza luoghi in cui trovare riparo sarebbe praticamente impossibile. Ma il municipio e le sedi dell'amministrazione regionale occupate in diverse città dell'ovest del Paese dovranno essere sgomberati, riporta l'agenzia di stampa Unian.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata