Ucraina, Russia: Nato deteriora rapporti, presto nuova dottrina militare

Mosca (Russia), 2 set. (LaPresse) - "Non ho dubbi sul fatto che la questione dell'avvicinamento delle infrastrutture militari dei Paesi membri della Nato ai confini del nostro Paese, compreso l'ampliamento, rimarrà una delle minacce militari esterne per la Federazione russa". Lo ha detto il vice segretario del Consiglio di sicurezza russo, Mikhail Popov, in un'intervista con l'agenzia di stampa Ria Novosti. Tutte l azioni della Nato, ha aggiunto, mostrano che sia gli Usa sia l'Alleanza stanno provando a deteriorare le relazioni con Mosca.

"Gli Usa - afferma Popov - vogliono rafforzare le proprie truppe negli Stati baltici. Hanno già deciso di trasferire le proprie armi pesanti e l'equipaggiamento militare, inclusi carri armati e veicoli di infanteria armati, in Estonia. E tutto questo vicino ai confini con la Russia". Una situazione di fronte a cui Mosca non starà a guardare. L'attuale dottrina militare, spiega Popov, è stata adottata nel 2010, ma la nuova versione verrà resa nota a fine 2014.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata