Ucraina, pullman dirottato: gli ostaggi riabbracciano i familiari dopo la liberazione

Fine dell'incubo dopo dodici lunghe ore di paura e tensione

(LaPresse) Storia a lieto fine per le 13 persone rimaste ostaggio per 12 lunghe ore su un pullman a Lutsk, nell'Ucraina nordoccidentale. A sequestrarle un uomo di 44 anni, Maksim Krivosh, ucraino nato in Russia, alle spalle due condanne per accuse come rapina, frode, possesso illegale di armi, per un totale di 10 anni trascorsi in carcere. Alla fine Krivosh si è arreso ed è stato arrestato. Gli ostaggi, tutti illesi, sono stati liberati e hanno potuto riabbracciare i propri cari.