Ucraina, leader ribelli: Trovate scatole nere aereo Malaysia

Donetsk (Ucraina), 20 lug. (LaPresse/AP) - Un leader dei ribelli in Ucraina afferma che sono state ritrovate le scatole nere dell'aereo della Malaysia Airlines precipitato nel Paese, e che verranno consegnate all'autorità internazionale dell'aviazione. Alexander Borodai, leader separatista, ha spiegato che sono stati i ribelli a recuperare le scatole nere. Queste ultime, ha aggiunto, verranno consegnate all'Organizzazione internazionale dell'aviazione civile (Icao). Il leader ha aggiunto che i corpi recuperati rimarranno nei contenitori frigoriferi nella stazione dei treni di Torez fino all'arrivo di una delegazione di esperti internazionali.

La città di Torez è in mano ai ribelli. Non è stato immediatamente chiaro oggi se i ribelli e il governo ucraino stessero lavorando insieme o in disaccordo gli uni con gli altri nel recuperare i corpi. Da diversi commenti sembra che molti funzionari non lo sappiano. Questa mattina giornalisti di Associated Press non hanno visto corpi né ribelli armati sul luogo dello schianto dell'aereo. I soccorritori stavano cercando solo pezzi di cadaveri nei campi. Una portavoce del servizio di emergenza ucraino ha detto che ribelli armati hanno costretto i soccorritori a consegnare tutti i 196 corpi recuperati dal luogo dello schianto dell'aereo della Malaysia Airlines, e non hanno detto loro dove li stavano portando.

Funzionari governativi di Kiev, nel frattempo, hanno preparato un centro per gestire la crisi relativa al disastro nella città di Charkiv, in mano al governo, aspettando di ricevere i corpi, ma sembra che queste speranze debbano essere rimandate o distrutte. "I corpi non andranno da nessuna parte fino a quando non arriveranno gli esperti", ha detto Borodai, parlando da Donetsk. Il leader ha aggiunto che sta aspettando un gruppo di 12 esperti malesi e che era deluso da quanto ci stiano impiegando ad arrivare. Borodai ha insistito che i ribelli non hanno interferito con le indagini sullo schianto dell'aereo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata