Ucraina, Lavrov: Nessuna prova che soldati russi siano nell'est

Mosca (Russia), 21 gen. (LaPresse) - Mosca non ha prove che soldati e armi russi siano entrati nell'est dell'Ucraina. Lo ha detto in conferenza stampa il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, sottolineando poi che Mosca è stata rassicurata dai ribelli che indietreggeranno sulla linea di separazione accordata con il governo di Kiev.

La Russia cercherà di ottenere un immediato cessate il fuoco nel corso dei colloqui che si terranno oggi a Berlino con i ministri degli Esteri di Germania, Francia e Ucraina, ha aggiunto. Secondo il numero uno della diplomazia russa, gli accordi di Minsk, siglati a settembre, non vengono oggi rispettati anche perché la linea di separazione indicata dal governo di Kiev e dai separatisti non rispecchia le attuali posizioni delle parti.

La Russia non permetterà una nuova guerra fredda, ha detto poi commentando il discorso di Barack Obama sullo stato dell'Unione. Nel suo intervento della notte, Obama ha ricordato che gli Usa si sono opposti all'ingerenza di Mosca nella crisi ucraina e ha dichiarato: "Oggi la Russia è isolata, con la sua economia a pezzi".

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata