Ucraina, l'esercito lascia Debaltsevo Ribelli annunciano ritiro artiglieria

Kiev (Ucraina), 18 feb. (LaPresse) - Tensione alta in Ucraina a oltre tre giorni dall'ingresso in vigore del cessate il fuoco, cominciato a mezzanotte ora locale della notte fra sabato e domenica. I separatisti filorussi hanno iniziato stamattina il ritiro dell'artigileria dalle zone dell'est del Paese in cui i combattimenti sono cessati, ma a preoccupare è la situazione a Debaltsevo. Qui negli ultimi giorni i combattimenti sono continuati in violazione della tregua e stamattina i soldati ucraini si sono ritirati. Debaltsevo si trova in una posizione strategica, a metà strada fra i bastioni separatisti di Donetsk e Luhansk. Secondo il comandante ribelle di Donetsk Eduard Basurin, citato dall'agenzia di stampa Efe, nei combattimenti a Debaltsevo sono morti circa 3mila soldati dei circa 10mila che erano impegnati.

Intanto Nato e Ue hanno espresso preoccupazione per la situazione e l'Alto rappresentante della politica estera Ue, Federica Mogherini, ha detto che Bruxelles è pronta ad adottare "misure appropriate" nel caso in cui proseguano i combattimenti. Sia la Germania che la Francia ritengono che sia troppo presto per dare per morti gli accordi di Minsk e il lavorio diplomatico prosegue.

Per oggi è in programma un nuovo colloquio telefonico a quattro fra il presidente francese François Hollande, il presidente russo Vladimir Putin, il presidente ucraino Petro Poroshenko e la cancelliera tedesca Angela Merkel. Inoltre oggi e domani a Riga si tiene un incontro informale dei ministri della Difesa Ue, che parleranno di Ucraina e Libia e prepareranno le discussioni sulla difesa del Consiglio europeo in programma per giugno 2015. E domani a Kiev sono attesi in visita il Commissario Ue per la politica di vicinato e i negoziati per l'allargamento, Johannes Hahn, e anche il ministro degli Esteri greco, Nikos Kotzias. Secondo fonti del ministero greco citate da Efe, Kotsias incontrerà il suo omologo ucraino Pavlo Klimkin e intende offrirsi come mediatore nelle difficili relazioni fra Ucraina e Russia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata