Ucraina, governo: Aeroporti Crimea sotto controllo di nostre forze

Sinferopoli (Ucraina), 28 feb. (LaPresse/AP) - Gli aeroporti in Crimea sono controllati dalle forze dell'ordine ucraine. Lo ha fatto sapere Andriy Parubiy, segretario del Consiglio nazionale di sicurezza e difesa dell'Ucraina. "C'è stato - ha detto Parubiy - un tentativo di prendere il controllo degli aeroporti. Questo tentativo è stato bloccato. Le persone che vi erano arrivate si trovano adesso a posti di blocco intorno agli scali. Gli aeroporti, tuttavia, sono controllati dalle forze dell'ordine ucraine". In precedenza il ministro dell'Interno Arsen Avakov aveva detto che unità della marina russa avevano bloccato l'aeroporto internazionale Belbek di Sebastopoli, in Crimea, vicino alla base navale russa sul mar Nero, e quello di Sinferopoli. Il ministro dell'Interno dell'Ucraina aveva scritto sul proprio profilo di Facebook che si trattava di "un'invasione militare e occupazione". Il ministro degli Esteri russo ha rifiutato di commentare, mentre un portavoce del ministero della Difesa non era raggiungibile.

Più tardi un portavoce della flotta russa sul mar Nero ha smentito il coinvolgimento nell'occupazione dell'aeroporto di Sebastopoli. "Nessuna unità della flotta del mar Nero è stata dispiegata nella zona di Belbek, e tanto meno è coinvolta nel blocco dello scalo", ha detto un portavoce, citato dal quotidiano Kyiv Post. "Data l'instabile situazione intorno alle basi della flotta del mar Nero - ha aggiunto il portavoce, e intorno ai luoghi dove i nostri soldati vivono con le proprie famiglie, le unità anti terrorismo della flotta hanno rafforzato le misure di sicurezza".

Stamattina presto decine di uomini armati in divise militari hanno pattugliato l'aeroporto di Sinferopoli, capoluogo di Crimea. Un fotografo di Associated Press ha visto alcuni militari armati di fucili d'assalto, che si sono rifiutati di parlare con i giornalisti. Testimoni avevano detto all'agenzia di stampa Interfax che i circa 50 uomini armati indossavano le stesse divise di quelli che ieri mattina avevano preso il controllo della sede del Parlamento e del governo locale di Crimea a Sinferopoli, innalzando una bandiera russa. Secondo Interfax, militari con "emblemi della marina russa" avevano inizialmente circondato il terminal di arrivi domestici dello scalo di Sinferopoli. Più tardi Interfax ha riferito, citando un funzionario aeroportuale, che gli uomini si sono scusati e hanno lasciato l'aeroporto dopo aver visto che non era atterrato nessun aereo con soldati ucraini. Un miliziano in mimetica che si trova sul posto, che si è presentato solo come Vladimir, ha riferito di seguito che quella che sta pattugliando l'aeroporto di Sinferopoli è una "unità di autodifesa" che impedirà l'arrivo di "radicali e fascisti" da Kiev e da altre parti dell'Ucraina.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata