Ucraina: Aereo militare abbattuto vicino confine con Russia. Kiev accusa Mosca

Kiev (Ucraina), 14 lug. (LaPresse/AP) - Il ministero della Difesa di Kiev fa sapere che un aereo militare è stato abbattuto vicino al confine tra Ucraina e Russia.

I ribelli hanno rivendicato la responsabilità per l'abbattimento dell' Antonov-26, tuttavia il ministro della Difesa Valeriy Heletey ha detto che il razzo potrebbe essere arrivato dalla Russia. Heletey ha aggiunto che l'aereo stava volando a un'altezza troppo alta per essere raggiunto dalle armi usate dai separatisti filorussi. Secondo le autorità l'aereo poteva trasportare fino a 20 persone.

Ed è quindi guerra di accuse fra Kiev e Mosca. "Negli ultimi tre giorni, le forze armate dell'Ucraina sono state attaccate dal fuoco di lanciamissili di produzione russa". Lo ha detto il presidente ucraino Petro Poroshenko, nel corso di una riunione con i suoi consiglieri per la sicurezza, aggiungendo che esistono indizi i base ai quali ufficiali russi sono coinvolti nelle ostilità.

Il presidente non è sceso nei dettagli in merito a quest'ultima affermazione.

Da tempo Kiev sostiene che Mosca appoggi i separatisti filorussi nell'est dell'Ucraina, ma il Cremlino ha sempre respinto le accuse.

Intanto si intensificano i combattimenti tra l'esercito ucraino e i separatisti filorussi intorno alla città orientale di Luhansk. Il ministero della Difesa ucraino ha fatto sapere che le truppe governative hanno ripreso il controllo di alcuni villaggi intorno alla città e hanno riaperto un corridoio verso l'aeroporto. Intanto una portavoce dell'autoproclamata Repubblica popolare di Luhansk ha detto ad Associated Press che i militanti hanno distrutto un convoglio armato ucraino nel villaggio di Heorhiivka, a 10 chilometri a ovest dell'aeroporto. Almeno tre soldati ucraini sono stati uccisi nei combattimenti, ha affermato. Nelle ultime due settimane l'esercito è riuscito a riprendere la metà del territorio occupato dai separatisti, costretti a ritirarsi nelle zone di Luhansk e Donetsk.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata