Turchia, l'Osce avverte: Ci sono 2,5 milioni di schede sospette
Intanto l'opposizione annuncia che presenterà ricorso formale per chiedere l'annullamento del voto

Sono fino a 2,5 milioni le schede ritenute manipolate nel referendum costituzionale che si è tenuto in Turchia domenica, vinto di misura dal 'sì'. Lo ha annunciato Alev Korun, deputata austriaca membro della delegazione di osservatori dell'Osce, parlando alla radio Orf. Secondo l'Osce, "la legge consente di ammettere solo le schede ufficiali. Ma, la Commissione elettorale suprema ha deciso di accettare anche quelle senza timbro ufficiale". C'è il sospetto, ha spiegato Korun, "che fino a 2,5 milioni di schede siano state manipolate".

Intanto il principale partito di opposizione turco, Chp, ha annunciato che presenterà alle 14.30 locali di oggi (le 13.30 in Italia) ricorso formale alla Commissione elettorale suprema (Ysk) per l'annullamento del referendum. Il vicepresidente del Chp, Bulent Tezcan, ha detto di essere pronto a portare la protesta fino alla Corte europea dei diritti dell'uomo. L'opposizione contesta infatti la decisione della Commissione elettorale suprema di accettare anche le schede senza timbro ufficiale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata