Turchia, giornalista olandese arrestata per la seconda volta nel sudest del paese

Ankara (Turchia), 6 set. (LaPresse/Reuters) - Una giornalista olandese è stata fermata nel sudest della Turchia mentre copriva gli scontri in corso nell'area tra forze di sicurezza e Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk). Si tratta di Frederike Geerdink, reporter freelance, che vive nella città a prevalenza curda di Diyarbakir ed era già stata arrestata una prima volta a gennaio. Sul suo profilo Twitter ha scritto: "Sono in custodia a Yuksekova". Qui era arrivata insieme a un gruppo di protesta curdo, i cui membri sono stati arrestati con lei, spiega. Un funzionario turco riferisce a Reuters che il fermo è avvenuto "per la sua stessa sicurezza" a causa dei combattimenti e l'agenzia di stampa olandese Anp riporta che la giornalista è stata arrestata perché sospettata di "avere viaggiato in un'area vietata".

Geerdink era stata arrestata a gennaio con l'accusa di pubblicare sui social network messaggi favorevoli al Pkk. Il suo arresto era stato condannato da gruppi per la difesa dei diritti umani e l'assoluzione da accuse di propaganda era giunta ad aprile. La scorsa settimana una Corte turca ha liberato due giornalisti britannici di Vice News arrestati nel sudest della Turchia con l'accusa di legami con un'organizzazione terroristica.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata