Turchia, a due giorni da nuova scossa sono 17 le vittime a Van

Van (Turchia), 11 nov. (LaPresse/AP) - A due giorni dal nuovo terremoto che ha colpito l'est della Turchia, altri cinque corpi senza vita sono stati estratti dalle macerie dai soccorritori impegnati nella città turca di Van. Le vittime salgono così a 17. La scossa di mercoledì, di magnitudo 5,7, ha provocato il collasso di numerosi edifici. La città, così come molti altri centri della zona, era già stata gravemente colpita dal sisma di magnitudo 7,2 del 23 ottobre, che ha provocato la morte di oltre 600 persone. Aksit Dayi, funzionario del sistema di gestione dei disastri, spiega che l'ultima vittima recuperata è un uomo di mezza età, rimasto sepolto da uno dei due hotel crollati in città.

"Non abbiamo sentito altre voci di sopravvissuti, ma siamo ancora rimuovendo lastre di cemento nel caso ce ne fossero", ha detto Dayi, spiegando che i soccorsi si stanno concentrando sul terzo piano dell'hotel Bayram. I familiari dei dispersi si sono radunati attorno alla struttura in attesa di notizie, nonostante il freddo della notte. Non è chiaro quante persone si trovino ancora sotto i detriti, ma si pensa che tra loro ci siano anche due giornalisti turchi dell'agenzia di stampa locale Dogan. "Speriamo di finire le nostre ricerche entro la mezzanotte di oggi", ha detto Dayi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata