Trump limita l'impiego come lobbisti ai futuri funzionari
Interdizione prima di 5 anni dalla conclusione dell'impiego governativo

 Il presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, ha imposto uno stretto codice che impedirà a coloro che accettino un impiego nella sua amministrazione di lavorare come lobbisti, nei cinque anni dopo che abbiano concluso il loro legame con la Casa Bianca. Lo ha fatto sapere il suo team per la transizione. La misura ha l'obiettivo di evitare i passaggi dalla Casa Bianca ai gruppi di pressione che abbondano a Washington, tra i maggiori cavalli di battaglia di Trump durante la campagna elettorale, con cui ha voluto denunciare la "corruzione" del sistema politico. "Sarà chiave per questa amministrazione che la gente che esce dal governo non possa usare questa esperienza per arricchirsi personalmente", ha dichiarato il portavoce repubblicano Sean Spicer.

Accettando le condizioni di Trump, non si potrà lavorare nei gruppi di pressione prima di cinque anni dalla conclusione dell'impiego governativo, misura che potrebbe scoraggiare alcuni dall'entrare nel team del magnate. L'attuale presidente Barack Obama impose un codice meno rigido, che impediva il divieto di usare le proprie influenze nell'agenzia governativa per cui si era lavorato, con via libera sul resto del governo. Proibiva inoltre di agire come lobbista, ma non con altri incarichi.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata