Trump è il candidato repubblicano: Leader mondiali scossi? Bene
Il magnate risponde a Obama e attacca Clinton: "Su emailgate emerge cattiva capacità giudizio"

Donald Trump ha ottenuto la nomination repubblicana alle presidenziali d'autunno. "Ho appreso di aver vinto la nomination", ha annunciato il magnate in un discorso a Bismark, in North Dakota, per poi passare all'attacco. L'indagine del dipartimento di Stato sulle email di Hillary Clinton dimostra, secondo Trump, "la cattiva capacità di giudizio" della possibile candidata avversaria. Poi ha aggiunto: "Ho vinto tutti i dibattiti cui ho partecipato. Mi chiedo a volte quanto potrei far bene. Il governo federale dovrebbe farsi da parte su energia e petrolio: abbiamo tanto potenziale energetico. L'industria del carbone è in ginocchio e in questo senso Clinton è ancora peggio di Obama". "Per quanto riguarda le raffinerie, io voglio indipendenza energetica: credo sia qualcosa che vogliamo tutti e vogliamo anche vendere l'energia che produciamo", ha sottolineato Trump, che vorrebbe liberalizzare l'industria del carbone. 

CONTRO IL TERRORISMO. "Se guardo all'Islam radicale, estremo, non sono affatto contento: dobbiamo trovare una soluzione. Obama non l'ha mai trovata, nemmeno vuole pronunciare le parole 'terrorismo islamico estremo'", ha attaccatotto Trumpo. 

LEADER SCOSSI. Trump ha risposto in maniera indiretta al presidente Barack Obama che dal G7 in Giappone aveva detto che i leader mondiali sono preoccupati dal magnate, per il suo fare "arrogante" o la sua "ignoranza" sui temi globali. "Se i leader mondiali sono scossi da me è una cosa buona", ha sottolineato sferzante il tycoon. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata