Trump contro Google: "Trucca risultati, su di me solo notizie negative"
Il presidente mette in guardia i colossi del web: “Devono stare molto attenti”

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, mette in guardia Facebook, Google e Twitter: "devono fare attenzione". Il repubblicano si scaglia contro i giganti del web, dopo aver accusato il motore di ricerca di "truccare" i risultati. Nessun dettaglio su quali azioni potrebbe intraprendere, ma un consigliere della Casa Bianca ha suggerito che l'amministrazione potrebbe pensare a nuove regole. "Penso Google si stia davvero approfittando di molte persone e credo che sia una cosa molto grave, un'accusa molto grave", ha affermato il presidente. È andato avanti citando Facebook e Twitter, nell'apparente riferimento alle dichiarazioni della scorsa settimana in cui ha detto che i social media zittiscono le voci conservatrici. "Non si può far questo alle persone", ha affermato, "ci arrivano letteralmente migliaia di migliaia di lamentele". E ancora: "Google e Twitter e Facebook, stanno camminando in un territorio molto, molto pericoloso, e devono stare attenti".

Prima, su Twitter, si era lamentato di Google sostenendo che le ricerche delle "notizie su Trump" facciano affiorare soprattutto storie negative su di lui. "L'hanno truccato, per me e per altri, cosicché quasi tutte le storie e le notizie siano negative. La fasulla Cnn è in primo piano. I media repubblicani/conservatori e giusti sono ignorati. Illegale?", ha scritto il magnate. Secondo lui, "il 96% dei risultati quando si cercano 'notizie su Trump' proviene da media nazionali di sinistra". Secca la smentita di Google. "La ricerca non è usata per stabilire un'agenda politica e non modifichiamo i nostri risultati a favore di alcuna ideologia politica", "non diamo mai ranking ai risultati per manipolare il sentimento politico", ha affermato la compagnia. È oscuro che cosa Trump possa avere in mente per 'correre ai ripari', e il consigliere economico Larry Kudlow ha detto ai giornalisti: "Ci stiamo lavorando".

Già la scorsa settimana, Trump aveva twittato che "i social media stanno totalmente discriminando le voci repubblicane/conservatrici", aggiungendo: "Non lasceremo che questo accada". Le affermazioni del presidente sembrano basarsi su un rapporto del sito web 'Trump-friendly' di PJ Media which, incentrato sull'analisi da parte del conduttore conservatore Sharyl Attkisson, che ha categorizzato grandi media come New York Times, CBS e CNN come "di sinistra". "Google e altri stanno zittendo la voce dei conservatori e nascondendo informazioni e notizie che sono buone", ha tuonato Trump. Google e altre compagnie di internet hanno più volte affrontato accuse sui risultati di ricerca, basati su algoritmi che possono considerare la storia precedente dell'uso di internet, il luogo e altri fattori. Ma secondo vari analisti poche prove suggeriscono Google selezioni i risultati per motivi politici. E se lo facesse, il presidente avrebbe poco margine di manovra, con le tutele costituzionali alla libera espressione. "Qualsiasi tentativo di Trump di 'correggere' i risultati dei motori di ricerca violerebbe il primo emendamento", ha affermato Eric Goldman, capo dell'Istituto legale high tech della Santa Clara University.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata