Trump chiede un Van Gogh, il Guggenheim offre un Wc d'oro
Il presidente aveva chiesto un'opera del grande artista olandese per la Casa Bianca. Risposta negativa. Controfferta via mail: un'opera molto particolare di Maurizio Cattelan

La richiesta era per un Van Gogh per adornare le pareti del presidente e della residenza privata della first lady nella Casa Bianca. La risposta? No, ma che ne dici di un bagno d'oro da 18 carati perfettamente funzionante? E' consuetudine che i presidenti degli Stati Uniti prendano in prestito opere d'arte durante il loro mandato, ma il Guggenheim nella città natale di Donald Trump a New York è stato educato, ma fermo nel suo rifiuto, lo racconta il Washington Post.

Quando la Casa Bianca ha chiesto "Landscape With Snow" del grande maestro olandese, il principale curatore del museo - evidentemente critico con Trump - ha ribattuto che la pittura del XIX secolo non può muoversi dal museo e viaggiare "tranne che in occasioni eccezionali". "Siamo spiacenti di non essere in grado di soddisfare la sua richiesta originale", ha scritto Nancy Spector in una e-mail ottenuta dal Post, "ma speriamo che questa offerta speciale possa essere di interesse". "L'America" ​​dell'artista italiano Maurizio Cattelan - un luccicante bagno d'oro - è stata esposta al Guggenheim per quasi un anno, installata in una toilette per l'uso del pubblico con una guardia posta all'esterno. Ora che la mostra era finita, l'artista avrebbe "voluto offrirlo alla Casa Bianca per un prestito a lungo termine". "È, ovviamente, estremamente prezioso e alquanto fragile - prosegue la mail di Spector -, ma forniremo tutte le istruzioni per la sua installazione e cura."

Interrogato per spiegare il significato dell'installazione e il motivo per cui l'ha offerto ai Trump, Cattelan, 57 anni, ha dichiarato al Post: "Qual è il punto della nostra vita? Tutto sembra assurdo fino alla morte e quindi ha senso". Il Guggenheim, ha dichiarato a AFP di non avere "ulteriori informazioni da fornire". La Casa Bianca non ha risposto immediatamente a una richiesta AFP.

In un blog lo scorso agosto, Spector ha definito il gabinetto "una cifra per gli eccessi del benessere" e ha affermato che oltre 100.000 persone si sono accodate "per l'opportunità di entrare in comunione con l'arte e con la natura". "Sebbene sia stato realizzato con oro da milioni di dollari, la scultura è in realtà un ottimo livellatore, come ha detto Cattelan:" Qualunque cosa tu mangi, un pranzo da $ 200 o un hot dog da $ 2, i risultati sono gli stessi, per il bagno ".

Né è la prima associazione tra Trump, la cui casa di Manhattan è famosa per il suo ricco schema color oro, e un bagno d'oro. Lo scorso giugno, il "Daily Show" di Trevor Noah ha ospitato una mostra gratuita a New York, invitando il pubblico ad assorbire i famosi tweet presidenziali e a "spararne" uno o due da una toilette dorata.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata