Tibetano si dà fuoco per protesta contro Pechino: 63 morti da marzo 2001

Pechino (Cina), 4 nov. (LaPresse/AP) - Un uomo tibetano è morto dopo essersi dato fuoco per protesta contro il regime di Pechino a Tongren, sede di un monastero nella provincia cinese di Qinghai. Sale così a 63 il numero dei tibetani morti in autoimmolazioni da marzo 2011, in gesti di protesta contro il controllo imposto dalla Cina sulle zone tibetane e per chiedere il ritorno del leader spirituale, il Dalai Lama. A dare notizia dell'ultimo episodio è stato il governo in esilio a Dharmsala, sul proprio sito web, dove pubblica anche una fotografia del corpo bruciato dell'uomo circondato da monaci.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata