Thailandia, ragazzi nella grotta mandano lettere ai genitori
L'allenatore chiede scusa: "Prometto di prendermene cura". Intanto i soccorritori hanno scavato 100 cunicoli per estrarli

I dodici bambini rimasti bloccati per 14 giorni con il loro allenatore di calcio in una grotta allagata in Thailandia hanno scritto lettere per i loro genitori. "Amore per mamma, papà e il mio fratellino", recita il biglietto del quindicenne Phiphat Photi, conosciuto come Nick. "Se esco, per favore potete portarmi del maiale e delle verdure grigliate?", "vi voglio bene papà, mamma e sorella, non dovete preoccuparvi per me", ha scritto Pheerapat, soprannominato Night, che ha compiuto 16 anni. Le lettere, consegnate venerdì a un sommozzatore e pubblicate sulla pagina Facebook di Thai Navy Sea, hanno suscitato un'ondata di forte emozione nelle famiglie, che hanno atteso nove giorni prima che i loro bambini fossero trovati arruffati e ora affrontano un'attesa angosciosa per la pericolosa evacuazione. 

L'allenatore ha invece inviato le sue "scuse" ai genitori in una nota scarabocchiata. Ekkapol Chantawong, 25 anni, è stato per nove giorni l'unico adulto nella grotta. "A tutti i genitori, i bambini stanno bene, prometto di prendermene la migliore cura. Grazie per tutto il supporto morale e mi scuso con i genitori".

Intanto più di 100 'camini' vengono scavati nella montagna nel tentativo di raggiungere la squadra di calcio giovanile. "Alcuni (dei camini) sono profondi 400 metri, ma ancora non hanno trovato la loro posizione", ha detto il capo della missione di salvataggio, Narongsak Osottanakorn, aggiungendo che non si dispone della tecnologia "per individuare dove si trovino". "Stimiamo siano a 600 metri di profondità, ma non conosciamo il punto" esatto. Per quanto riguarda i livelli di ossigeno nella grotta, Osottanakorn ha detto che i soccorritori sono riusciti a stabilire una linea per pompare aria fresca. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata