Thailandia, 12 ragazzi e il loro allenatore intrappolati in una grotta allagata
Fanno parte di una squadra di calcio giovanile, sono bloccati nella cava da due giorni. I soccorritori stanno cercando di raggiungerli

Da sabato 23 giugno dodici ragazzi di una squadra di calcio giovanile - tutti tra gli undici e i sedici anni - e il loro allenatore sono intrappolati in una grotta allagata nel nord della Thailandia. Sono tutt'ora in corso le operazioni di salvataggio: finora i sommozzatori della Royal Thai Navy sono riusciti a raggiungere solo un primo grande vano all'interno della cavità.

Sabato sera il gruppo si stava allenando in un parco nazionale vicino al confine con il Laos e la Birmania. In quelle circostanze il team sarebbe entrato all'interno della grotta di Tham Luang, rimanendo bloccato a causa dell'innalzamento delle acque all'interno della cava, dovuto alle piogge monsoniche. 

Non avendo visto il figlio rientrare, la madre di uno di loro ha dato l'allarme. Subito sono scattate le ricerche e i loro oggetti, biciclette e scarpe, sono stati ritrovati dopo poche ore dall'ingresso della grotta. Durante la notte i soccorritori sono stati costretti a fermarsi all'aumentare del volume dell'acqua dovuto alle piogge monsoniche che hanno interessato la zona nei giorni precedenti. 

Pasakorn Boonyalug, vicegovernatore della provincia di Chiang Rai ha dichiarato"Pensiamo che siano nascosti in una parte della grotta, che prosegue per altri tre chilometri". Per agevolare l'evacuazione i soccorritori pensano di ricorrere all'equipaggiamento subacqueo. "Non hanno mangiato nulla da sabato, abbiamo portato cibo e bevande", ha concluso Boonyalug.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata