Terrorismo, Germania: Rischio rientro jihadisti da Iraq per attentati

Berlino (Germania), 31 ago. (LaPresse/AP) - La Germania avverte che estremisti islamici potrebbero tornare dalla Siria e dall'Iraq per commettere attacchi terroristici. L'allerta arriva dall'agenzia di intelligence tedesca. Hans-Georg Maassen, capo dell'Ufficio Federale per la Protezione della Costituzione, ha dichiarato in un'intervista alla radio Deutschlandfunk che vi è una "maggiore minaccia teorica" di attentati in Germania. A differenza del Regno Unito però il Bundestag non ha alzato il livello nazionale di minaccia terroristica. Secondo Maassen, almeno 400 tedeschi si sono recati in Siria e Iraq per combattere accanto ai gruppi estremisti islamici, anche se il numero reale rischia di essere più alto.

"Dobbiamo supporre che vi siano persone che tornano e commettono attentati", ha confermato, aggiungendo che la sua agenzia è a conoscenza di almeno 25 jihadisti con esperienza di combattimento che sono già tornati in Germania. Tra tutti i gruppi jihadisti, lo Stato islamico è quello che suscita maggiore interesse tra i giovani di tutto il mondo. "I militanti dell'Isil sono molto più attraente di al-Nursa, il ramo di al-Qaeda in Siria. Quello che attira le persone è la loro brutalità, il loro radicalismo, la loro severità" ha spiegato Maassen. Il settimanale Der Spiegel, nell'edizione di oggi, ha inoltre riferito che ci sono circa 20 ex soldati tedeschi tra i jihadisti che hanno lasciato la Germania per combattere in Siria.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata