Terrorismo, Cameron e Obama su Times: Distruggeremo ideologia distorta

Londra (Regno Unito), 15 gen. (LaPresse/EFE) - Il primo ministro del Regno Unito, David Cameron, e il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, hanno promesso di distruggere "l'ideologia distorta" del terrorismo e hanno sottolineato che per farlo è necessario che l'Occidente abbia un'economica forte. Le opinioni dei due leader sono contenute in un articolo che hanno scritto insieme per il quotidiano britannico The Times, in occasione della visita di due giorni di Cameron a Washington. Cameron e Obama hanno scritto che non si faranno intimidire dagli estremisti islamici e di essere pronti a "distruggere" i "barbari assassini e la loro ideologia distorta".

I due leader hanno poi affermato che non permetteranno a nessuno di "imbavagliare la libertà di espressione", commentando gli attentati avvenuti la scorsa settimana in Francia in cui sono state uccise 17 persone. Il mondo, hanno sottolineato il presidente e il primo ministro, ha risposto con "una sola voce" dopo gli attacchi. "Insieme con i nostri alleati francesi, abbiamo messo in chiaro, a chiunque pensi di poter imbavagliare la libertà di espressione con la violenza, che le nostre voci saranno più forti", hanno sottolineato, affermando che il modo migliore per affrontare il terrorismo è conseguire la prosperità economica.

"Sappiamo che il progresso e la prosperità non sono mai garantiti. Nel nostro incontro alla Casa Bianca abbiamo riaffermato la nostra convinzione che la difesa delle nostre libertà ha le proprie radici nella nostra forza economica e nelle nostre istituzioni democratiche", hanno scritto ancora i due leader. Fra gli altri argomenti affrontati dai due c'è il caso di Shaker Aamer, l'ultimo cittadino britannico detenuto a Guantanamo, che si trova in cella da 13 anni senza che siano state formulate accuse nei suoi confronti. Cameron e Obama hanno poi espresso la speranza di riuscire ad affrontare il virus Ebola, le minacce del gruppo Stato islamico e le azioni della Russia in Ucraina.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata