Terrore in Germania: aggressioni con accetta a Dusseldorf
Due uomi sono stati arrestati, altri sarebbero in fuga

La Germania piomba di nuovo nel terrore, dopo l'attacco al mercatino di Natale di Berlino a dicembre. Nella stazione centrale di Dusseldorf, intorno alle 21 un uomo armato di ascia si è scagliato contro i viaggiatori che si trovavano nell'atrio e lungo le banchine dei treni. I feriti, da quanto riferisce il sito del quotidiano tedesco 'Bild', sono sei, uno dei quali sarebbe grave. Dato confermato anche dal portavoce della polizia tedesca, Rainer Kerstien, che aggiunto che tra le persone portate in ospedale ci sarebbe anche un ragazzino di 13 anni. L'uomo non ha agito da solo. Le forze speciali della polizia sono subito intervenute e hanno arrestato un complice. Altri due uomini, invece, sarebbero riusciti a fuggire verso il centro della città. "Non stiamo ancora usando la parola 'terrorismo'", ha tenuto a precisare il portavoce della polizia Kerstien, aggiungendo che al momento non c'è nessuna seria minaccia di ulteriori attacchi. La stazione principale della capitale dello stato del Nord Reno-Westfalia è stata evacuata per precauzione. I treni sono stati cancellati o deviati verso altri scali ferroviari. Sono intervenute le forze speciali e un elicottero si è alzato in volo per presidiare il centro di Dusseldorf.  Drammatiche le testimonianze di chi ha vissuto quei momenti, come quella di un addetto della stazione. "Eravamo sulla banchina in attesa del treno - ha riferito un testimone a Bild - quando è arrivato all'improvviso un uomo, è saltato fuori con un'ascia e ha iniziato a colpire i passeggeri. C'era sangue dappertutto. Non ho mai visto una cosa del genere".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata