Terremoto in Ecuador: 413 morti, estratto un uomo vivo
Le squadre di soccorso stanno continuando le ricerche e il numero delle vittime cresce ogni ora

 È salito a 413 morti il bilancio delle vittime per il terremoto che sabato scorso ha scosso la costa settentrionale dell'Ecuador. Lo ha fatto sapere il governo annunciando che le squadre di soccorso hanno tratto in salvo un uomo intrappolato sotto le macerie dell'hotel 'El Gato' nella città di Portoviejo, una delle più colpite dal sisma. Pablo Rafael Córdoba Cañizares, gestore dell'hotel, è rimasto sepolto per tre giorni tra mattoni e cemento ed è stato localizzato grazie a una telefonata con un familiare. "Poco prima avevamo recuperato dalle macerie sette corpi ma non abbiamo mai perso la speranza di trovare qualcuno vivo" ha dichiarato Carlos Cevallos, dell'Unità di soccorso. Le squadre di soccorso stanno continuando le ricerche e il numero delle vittime cresce ogni ora. Almeno 2.68 i feriti del sisma di magnitudo 7.8, descritto dal governo come il più grande disastro nel Paese da più di sessant'anni.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata