Tensione Israele-Libano, Hezbollah lancia missili, Tel Aviv risponde
Tensione Israele-Libano, Hezbollah lancia missili, Tel Aviv risponde

Il movimento estremista sciita colpisce il sud dello Stato ebraico che risponde con raid nel sud del Libano. il premier di Beirut Hariri chiede l'intervento di Usa e Francia. L'Unifil chiede moderazione 

Tensione alle stelle fra Israele e Libano. Missili anticarro sono stati lanciati dal Libano contro il villaggio di Avivim, nel nord di Israele, e lo Stato ebraico ha risposto bombardando il sud del Libano. Uno scambio di colpi che fa temere un'escalation fra Israele e il gruppo libanese sciita Hezbollah: il movimento aveva promesso vendetta per un attacco con droni compiuto una settimana fa, di cui aveva attribuito la responsabilità proprio a Tel Aviv.

Hezbollah, tramite la sua tv Al-Manar, ha fatto sapere di avere distrutto un tank israeliano e sostiene di avere ucciso e ferito coloro che si trovavano all'interno. Una notizia smentita da Israele, secondo cui non ci sono vittime fra i suoi soldati. L'esercito israeliano si è limitato a dire che dal Libano sono stati lanciati missili contro una base e dei veicoli militari e che "degli obiettivi sono stati colpiti".

Il premier libanese, Saad Hariri, ha parlato al telefono con il capo della diplomazia Usa Mike Pompeo e con un consigliere del presidente francese Emmanuel Macron e ha chiesto "l'intervento" di Francia e Stati Uniti "visti gli sviluppi alla frontiera sud" del Libano. Intanto la missione di peacekeeping Onu in Libano invita alla "massima moderazione": il capo dell'Unifil, "il maggiore generale Stefano De Col, è in contatto con le parti chiedendo la massima moderazione e ha chiesto di cessare tutte le attività", ha fatto sapere ad AFP il portavoce dell'Unifil, Andrea Tenenti.

Lo scambio di colpi giunge sullo sfondo di tensioni crescenti fra Israele e Hezbollah, che la scorsa settimana ha accusato lo Stato ebraico di avere condotto dei raid con droni nella sua roccaforte alla periferia sud di Beirut. Questo "attacco" è stato presentato dal capo di Hezbollah, Hassan Nasrallah, come "il primo atto di aggressione" di Israele al Libano dopo la guerra del 2006 fra lo Stato ebraico e il movimento sciita, che in 33 giorni aveva provocato 1.200 morti dal lato libanese e 160 dal lato israeliano. E il presidente libanese, Michel Aoun, aveva parlato di una "dichiarazione di guerra". Un quadro di Hezbollah tuttavia, Naim Qassem, aveva assicurato che "l'atmosfera" non era "da guerra" ma solo di "risposta a un'aggressione".

Israele, dal canto suo, aveva "svelato" quello che ha definito un piano dell'Iran, tramite l'alleato libanese Hezbollah, per trasformare dei razzi in missili di precisione in grado di colpire lo Stato ebraico. Tel Aviv aveva aggiunto di ritenere "responsabile" il Libano, dal momento che Hezbollah opera sul suo territorio. Secondo l'esercito israeliano, fra il 2013 e il 2015 l'Iran avrebbe trasportato missili dal suo territorio fino in Libano tramite la Siria. Il tutto avviene mentre Israele è nel pieno della campagna elettorale, visto che il 17 settembre tornerà alle urne per le legislative.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata