Tav Torino-Lione. La Francia ha deciso di prendersi una pausa
Lo ha detto il ministro dei Trasporti Elisabeth Borne. Motivazioni soprattutto economiche: Mancano i fondi

La Francia si prende "una pausa" sulla linea ad alta velocità Torino-Lione. Lo ha detto il ministro dei Trasporti d'Oltralpe, Elisabeth Borne, al sito Reporterre. "Riesaminiamo gli orientamenti in termini di mobilità", ha aggiunto, "faremo una legge di programmazione in cui non ci saranno più promesse non finanziate. La motivazione della decisione sembra essere più che altro di tipo economico. Anche in Francia i fondi non bastano per realizzare tutte le opere in programma o promesse.

"Dal momento che gli impegni che sono stati presi e le esigenze essenziali in termini di manutenzione e rigenerazione superano di dieci miliardi le entrate prevedibili - ha spiegato il ministro - in questa fase, siamo costretti a prendere una pausa a riflettere sul modello di mobilità e di priorità ai progetti. E poi andremo ad una legge di pianificazione in cui non ci saranno più in promesse non finanziate, ci saranno spese e soluzioni equilibrate definite di anno in anno, con una vista su dieci anni".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata