Svezia, 4 arrestati a Goteborg: preparavano attacco terroristico

Stoccolma (Svezia), 11 set. (LaPresse/AP) - Quattro persone sono state arrestate a Goteborg, in Svezia, perché sospettate di preparare un attacco terroristico. Lo riferiscono i servizi di sicurezza della polizia svedese, tramite il portavoce Stefan Johansson. La polizia di Goteborg ha inoltre evacuato il centro d'arte Roda Stens, vicino al ponte Alvsborgsbron, a causa di una minaccia che poteva rappresentare un "grave pericolo per la vita e la salute delle persone o un danno rilevante per la proprietà".

Non è chiaro se gli arresti siano legati al decimo anniversario degli attacchi dell'11 settembre. La polizia di Goteborg, intanto, ha comunicato di aver fatto evacuare ieri sera il centro d'arte contemporanea Roda Sten per una minaccia che poteva costituire un "serio pericolo per la vita, la salute o poteva provocare danni sostanziali alla struttura".

La direttrice del centro Roda Sten di Goteborg, Mia Christersdotter Norman, ha riferito che ieri sera si stava svolgendo una festa per l'inaugurazione di una biennale internazionale di arte contemporanea, quando la polizia ha ordinato a tutti di lasciare l'edificio. "A mezzanotte circa sono stata chiamata fuori dalla polizia e mi hanno detto che c'era una minaccia per la struttura, così ci hanno chiesto di interrompere la festa e siamo andati via tutti", ha raccontato la Norman. Alla festa stavano partecipando circa 400 persone. "La polizia ha ispezionato l'edificio ma non hanno trovato nulla", ha detto la direttrice precisando che oggi il centro riaprirà regolarmente. La Norman ha detto di non avere alcuna informazione dei quattro arresti e che non sapeva nulla delle minacce contro il festival d'arte prima di ricevere la comunicazione della polizia.

La Svezia ha innalzato il livello di allerta per minacce terroristiche da basso a elevato a ottobre dello scorso anno. A dicembre un attentatore suicida, Taimour Abdulwahab, si è fatto esplodere nel centro di Stoccolma ferendo due persone.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata