Strasburgo, cosa sappiamo dell'attacco al mercatino di Natale

Tre le vittime e 12 i feriti. E' caccia all'Uomo: Cherif C. delinquente comune radicalizzatosi da qualche tempo. Tre diversi scontri a fuoco. E' riuscito a scappare

 

La polizia francese da la caccia al killer solitario che ha ucciso tre persone e ne ha ferito una dozzina di altre nel famoso mercatino di Natale di Strasburgo.

Ecco cosa sappiamo dell'attacco:

Intorno alle 18,50 di martedìì, un uomo solo ha aperto il fuoco più volte nel centro di Strasburgo, vicino al mercatino di Natale di piazza Kléber, pieno di gente e turisti. Il sospetto è stato subito identificato come un ventinovenne nato a Strasburgo e già noto alla polizia, Cherif C.. Ha "seminato il terrore (...) in tre punti della città", ha detto il ministro dell'Interno Christophe Castaner. "I soldati della forza Sentinelle hanno usato le loro armi per cercare di intercettare l'aggressore, che tra le 20 e le 21 di sera ha affrontato due volte le nostre forze di sicurezza in diversi scontri a fuoco", ha detto.

Nel suo attacco, l'uomo ha ucciso tre persone e ne ha ferito altre 12: cinque seriamente e sei leggermente, prima di fuggire con un taxi, secondo una fonte vicina all'inchiesta. Il tassista, incolume, ha detto alla polizia che il sospetto era ferito. I militari hanno riferito che un soldato è stato anche leggermente ferito da un proiettile di rimbalzo. Il trafficato mercato di Natale era stato sotto stretta sorveglianza a causa dell'elevata minaccia jihadista, soprattutto perché era stato l'obiettivo di un attacco programmato nel dicembre 2000.

Il sospetto, Cherif C. era ben noto alle autorità ed era stato condannato in Francia e in Germaniaper reati comuni, ha detto il ministro. Nel 2016 è stato segnalato da servizi antiterrorismo, secondo una fonte vicina all'inchiesta. Era stato segnalato dall'agenzia di intelligence della Direzione generale per la sicurezza interna (DGSI) durante una visita in prigione dove era stato notato per violenza e fanatismo religioso. Prima dell'attacco di martedì, il fuggiasco era già ricercato per rapina a mano armata mentre un'altra fonte ha affermato che era stato collegato a un'indagine sul tentato omicidio.

 

Proprio ieri mattina, la polizia aveva perquisito la sua casa ma non aveva trovato traccia di lui. Mentre i precisi motivi dell'attacco restano da stabilire, il procuratore antiterrorismo ha trovato prove sufficienti per aprire un'indagine su "omicidi e tentativi di assassinio in connessione con un'impresa terrorista". Il pubblico ministero di Parigi Remy Heitz avrebbe dovuto parlare mercoledì, ha detto Castaner. Risorse importanti sono state dispiegate per rintracciare il fuggiasco. Sul terreno sono state mobilitate 350 persone, tra cui 100 agenti di polizia con due elicotteri, ufficiali di unità d'élite e anche soldati dell'Operazione Sentinelle, che proteggono posti sensibili che potrebbero essere bersaglio di terrorismo, ha detto il ministro. Dopo aver innalzato il livello di allarme di sicurezza a "attacco di emergenza", il ministro ha annunciato controlli di frontiera rafforzati. Ulteriori risorse dovevano essere inviate a Strasburgo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata