Spari in una chiesa del Texas: 26 vittime. Trump: "Killer uno squilibrato. Le armi non sono il problema"
L'uomo si chiamava Devin Kelley. ex militare. Uccisa la figlia del pastore. Ci sono almeno 24 feriti. Trump: "Dio sia con Sutherland Springs"

Almeno 26 persone sono morte e 24 sono rimaste ferite in una sparatoria avvenuta in mattinata (ora locale) in una chiesa a Sutherland Springs, località del Texas, distante circa 45 chilometri da San Antonio. L'uomo che ha aperto il fuoco si chiamava Devin Kelley, 26 anni, ex militare, texano di Comal County a nord di San Antonio. Si è dato alla fuga e, al termine di un breve inseguimento, è stato trovato morto in macchina al confine tra le contee di Wilson e Guadalupe. Non è chiaro se ucciso nell'inseguimento o se si è tolto la vita. Le vittime, fedeli della Chiesa hanno età compresa tra i 5 e i 72 anni: 23 erano all'interno del tempio, due subito fuori e una è deceduta all'ospedale.

Un testimone racconta di aver visto l'uomo armato entrare nella chiesa battista verso le 11.30, mentre si stava svolgendo una cerimona religiosa. A quanto pare, Kelley aveva un'arma automatica, era vestito completamente di nero e indossava anche un giubotto antiproiettile.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata