Sparatoria in Florida, Trump visita i sopravvissuti. Bufera su Fbi
Sparatoria in Florida, Trump visita i sopravvissuti. Bufera su Fbi

Il presidente Usa e sua moglie in ospedale dai feriti della strage nel college. Bureau ha ammesso di aver ricevuto due segnalazione sul killer e di non aver indagato

Il presidente americano, Donald Trump, ha fatto visita in un ospedale della Florida ai feriti nella sparatoria in una scuola di Parkland, mentre l'Fbi è nella bufera dopo aver ammesso di aver non agito dopo una segnalazione del 19enne che ha commesso la strage uccidendo 17 persone.

Trump e la moglie Melania sono arrivati dopo una giornata difficile per i familiari delle vittime, in cui hanno scoperto che il massacro avrebbe potuto forse essere evitato. Il Bureau ha infatti ammesso di aver ricevuto due segnalazione nei mesi precedenti, quando il 19enne Nikolas Cruz fu segnalato da un conoscente come potenziale autore di una strage di massa. Gli agenti non fecero seguire a quella segnalazione alcuna indagine.

All'ospedale Broward Health North, Trump ha incontrato i sopravvissuti e i medici, le infermiere e i soccorritori. Ha parlato del loro "incredibile" lavoro e descritto il massacro come "molto triste". Il presidente è stato coperto di critiche per il suo discorso alla nazione a seguito della strage, dove ha parlato di "pregare" e "restare uniti", di "amore che vince l'odio". Ha parlato anche del "difficile problema dei disturbi mentali", ma i media americani hanno ricordato subito che una delle sue prime azioni da presidente è stata proprio fare marcia indietro su regole che avrebbero reso più difficile acquistare armi da fuoco alle persone con malattie mentali note. Inoltre, non ha mai parlato delle armi da fuoco usate nelle stragi e di regole per controllarne l'acquisto e il possesso.

La visita di Trump è stata annunciata con poche ore di anticipo, forse proprio per il timore che altrimenti sarebbe stata accolta da proteste. Dopo la visita all'ospedale, Trump e la first lady sono andati all'ufficio dello sceriffo della contea di Broward, dove hanno incontrato il governatore della Florida, Rick Scott, il senatore Marco Rubio, lo sceriffo Scott Israel e altri ufficiali. Poi il repubblicano ha twittato varie fotografie di se stesso e Melania in visita a un sopravvissuto e alla sua famiglia, così come con lo staff dell'ospedale.

"Siamo impegnati a lavorare con i leader statali e locali per aiutare a mettere in sicurezza le scuole, affrontare la difficile questione della salute mentale", ha scritto su Instagram. Rubio ha detto, durante l'incontro con lo sceriffo: "Questa comunità e questo Stato stanno soffrendo e vogliono azioni che garantiscano questo non accada più". Trump ha risposto: "Potete contarci".

Intanto, l'Fbi è nella bufera dopo aver ammesso che "una persona vicina a Cruz" il 5 gennaio chiamò la linea per le segnalazioni e riferì "informazioni sul possesso di armi di Cruz, sul suo desiderio di uccidere persone, sul comportamento problematico, su post online inquietanti, così come sul rischio che facesse una strage in una scuola". Nessuna indagine seguì alla segnalazione, nonostante l'Fbi avesse già ricevuto soffiate in precedenza. Il direttore dell'Fbi, Christopher Wray, ha promesso che le cose cambieranno, ma Scott ne ha chiesto le dimissioni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata